KKinnovation | due giovani fratelli di Cassola spopolano su Facebook grazie ai loro video

KKinnovation

Da circa due mesi, anzi più precisamente dal 13 gennaio 2017, sta girando su Facebook un bellissimo video dedicato alla città di Bassano del Grappa.

Di quale video stiamo parlando? Stiamo parlando del video “Bassano del Grappa in Inverno” realizzato dalla start-up cassolese KKinnovation.

Lo potete visionare da questo link » https://www.facebook.com/kkinnovationofficial/videos/220991008306899/

 

portale web sponsorizzato da
clicca sui banner per visitare i portali partner


 

Pubblicato sulla pagina facebook.com/kkinnovationofficial (che vi invitiamo a seguire con un “like”) il video ha riscosso in pochissimi giorni un successo inaspettato perfino per gli autori, ottenendo circa 32.000 visualizzazione e 600 condivisioni con semplice traffico organico.

Per chi non lo sapesse, o non avesse dimestichezza con la terminologia tecnica dell’universo Facebook, per traffico organico, o copertura organica, si intendono il numero totale di persone a cui sono stati mostrati i post mediante distribuzione non a pagamento.

 


Ma quali sono i “segreti“ legati al successo di questo video?

Lo abbiamo chiesto direttamente agli autori del video, i fratelli Andrea e Francesco Chiminazzo, fondatori della giovane start-up KKinnovation.

Andrea (24 anni) e Francesco (20 anni) hanno fondato la KKinnovation circa 7 mesi fa con l’obiettivo di produrre video di qualità per vari format, creati e pensati ad hoc per aziende, eventi e privati. Forniscono inoltre assistenza software e hardware per computer, laptop, dispositivi mobili.

Abbiamo intervistato Andrea e Francesco Chiminazzo presso la loro sede operativa (nonché abitazione privata) a San Zeno di Cassola.

 


Andrea e Francesco, vi aspettavate una “visibilità” così elevata e in così poco tempo per il video “Bassano del Grappa in inverno”?

Bhe! Sinceramente no! È stata una piacevolissima sorpresa.

Il successo Facebook del video è dovuto soprattutto al numero di condivisioni effettuate, che hanno raggiunto il proprio culmine in appena una settimana dalla data di pubblicazione.

Ci siamo chiesti spesso quali potessero essere i motivi di così tanto apprezzamento, di quale potesse essere il motivo per cui sia tanto piaciuto questo breve video.

Forse siamo riusciti a trovare due motivi principali:

  • in primo luogo il protagonista del video, cioè la città di Bassano del Grappa, il suo centro storico, le sue piazze, il Ponte Vecchio, il Brenta. Sfidiamo chiunque bassanese a non amare la città di Bassano.
  • in secondo lo stile con cui abbiamo realizzato le riprese e montato il video. Parliamo delle prospettive aeree realizzate con il drone, parliamo di sequenze ed inquadrature studiate e pensate in pre-produzione, parliamo di tecniche di video-editing (correzione colore, time lapse, sincronizzazione delle immagini con la musica di sottofondo, etc…) in fase di post-produzione.

Per noi della KKinnovation un video deve prima di tutto trasmettere delle emozioni, più un video (soprattutto in ambito promozionale) trasmette emozioni più è efficace.

Questo video lo abbiamo realizzato in due pomeriggi di svago.

Un pomeriggio ci siamo armati della nostra attrezzatura di ripresa e siamo andati a Bassano. Abbiamo prima fatto delle riprese test, sia riprese a terra che riprese aeree con drone, il giorno successivo siamo tornati a Bassano per consolidare le inquadrature precedentemente pensate e farne di nuove e presso la spiaggetta di sassi del Brenta abbiamo casualmente incontrato Simone Temperato, in arte “Magico Tempe”famoso bikers idolo del Bassanese. La performance di Simone è stato un valore aggiunto capitato per caso.

 

Guarda il video «Bassano del Grappa in Inverno»

Noi della KKinnovation abbiamo investito molto sulle riprese aeree con drone, sia in termini economici, di certificazioni e soprattutto di pratica perché pensiamo che le prospettive aeree con drone, che stanno andando molto di moda in questi ultimi tempi, oltre ad aumentare l’interesse, la curiosità, da un valore aggiunto al contesto proprio in termini emozionali.

Abbiamo sviluppato un connubio tra riprese a terra e riprese aeree effettuate con il drone, però secondo noi se non ci fossero state le riprese aeree comunque studiate e non messe lì a caso (quindi con piani sequenze pensate in pre-produzione e con un editing di qualità in post-produzione come per esempio la correzione colore, time lapse, etc.)  il video forse non avrebbe avuto il successo che ha ottenuto in termini di condivisione Facebook.

Un famoso detto dice: «Una bella fotografia racconta più di mille parole», ma noi aggiungiamo che in base ai risultati ottenuti sui social da questo video «un video vale più di mille fotografie».

Ovviamente se il video è pensato con contenuti e riprese di qualità a prescindere dal soggetto.


Entrando più nello specifico, cosa significa “emozionare con i video”?

Siamo in un’era in cui il mondo social la fa da padrona, diciamo social per non dire Facebook, un video che trasmette forti emozioni si promuove praticamente da solo.

Noi della KKinnovation ci siamo posti questa mission: “Emozionare”.

Vogliamo trasmettere essenzialmente emozioni, perché sono le emozioni che suscitano interesse, sono le emozioni che fanno condividere i video su Facebook, sono le emozioni che fanno capire un concetto, un’esperienza, un messaggio commerciale, un prodotto pubblicitario.

Questa filosofia si potrebbe darla per scontato ma non è affatto così. Nel nostro settore ci sono moltissime realtà imprenditoriali che realizzano video commerciali e/o promozionali, ma poche aziende pseudo- specializzate in video sanno creare contenuti di qualità che sappiano emozionare.

 

Invitiamo le aziende che leggono queste righe a testare la qualità di KKinnovation.

Invitiamo le aziende ad affidare la gestione dei propri video (commerciali, promozionali, o di qualsiasi altra natura) a noi della KKinnovation, perché siamo dei ragazzi che ci mettono una grande passione ed emozione e soprattutto studio nell’interpretazione del “messaggio commerciale” che si vuole ottenere tramite la costruzione di un video di qualità.

Ma come si fa ad emozionare con un video?

L’emozione si ottiene tramite lo studio e l’applicazione di diverse tecniche, come per esempio:

  • lo studio della macro inquadratura,
  • lo studio del particolare,
  • del gesto,
  • della dinamicità dei movimenti,
  • lo studio della luce,
  • la correzione del colore,
  • lo studio di quando e come sfruttare lo Slow Motion,
  • i time lapse,
  • la giusta durata dei piani sequenza,
  • la scelta della musica e degli effetti sonori giusti,
  • lo studio del ritmo di montaggio delle scene
  • etc…

Ad esempio per la Pasticceria Gambasin di Paderno del Grappa abbiamo lavorato innanzitutto con persone fantastiche che ci hanno dato modo di esprimere il nostro stile, di utilizzare le riprese pensate come volevamo. Il titolare e il personale sono stati molto collaborativi.

Abbiamo utilizzato sia il drone sia telecamere a terra puntando soprattutto sulla gestualità del lavoro quotidiano, sulle tecniche di produzione in ambito di pasticceria, e su come venivano disposti, per esempio, il vassoio di dolci all’interno del bancone.

L’obiettivo del video era quello di trasmettere al potenziale cliente della pasticceria soprattutto quanta passione e amore la Pasticceria Gambasin mette nella preparazione dei propri prodotti.

 

Guarda il video «Pasticceria Gambasin»

 

Questo tipo di messaggi emozionali vengono molto spesso tralasciati nei video pubblicitari “standard” (quelli che di solito vediamo in alcune emittenti televisive locali).

Secondo noi invece l’aspetto umano, l’aspetto emozionale è quel valore aggiunto che non deve assolutamente mancare in un video, ancor di più in ambito commerciale.

 

Un altro video su cui abbiamo puntato molto sull’emozione, con uno stile diciamo più “action”, è stato quello dedicato all’azienda Seletron per sponsorizzare il Kit Chipbox installato in un’Abarth 124 Spider.

Per questo video abbiamo giocato molto sull’amore che queste persone hanno per il mondo delle macchine da corsa e al mondo delle corse. Secondo noi ci siamo riusciti e abbiamo ottenuto un risultato che i nostri clienti hanno molto apprezzato.

 

Guarda il video «Seletron Club Abarth 124 Spider»

 


Come nasce il progetto KKinnovation?

L’idea del nome KKinnovation nasce dalle iniziali dei nostri soprannomi Kimi e Kimi (Andrea e Francesco Chiminazzo). Con le parole “innovation” volevano esprimere in qualche modo qualcosa che fosse innovativo almeno nel nostro territorio.

Noi abbiamo fatto nascere una startup dalle nostre passioni:

  • innanzitutto quella del mondo del computer, dell’informatica in genere, della riparazione di dispositivi informatici,
  • e in secondo luogo, che è quello in cui ci auguriamo che porti l’azienda ad un livello superiore, alla passione per il video editing e la fotografia.

 


Quali sono i vostri obiettivi e sogni nel cassetto futuri?

Il nostro settore commerciale è molto combattuto. A livello di concorrenza infatti ci sono un sacco di aziende più o meno grandi che intraprendono il nostro stesso lavoro, ma ribadiamo, come già accennato in precedenza, sono pochi che riescono ad emergere creando contenuti di alta qualità.

Il nostro obiettivo è crescere. Emergere nel prossimo futuro, farci conoscere il più possibile, portando lo stile dei nostri video a livello commerciale.

Ora noi ci siamo specializzando nelle riprese aeree con il drone anche per:

  • le ispezioni agricole,
  • trattamenti anti-parassitari di precisione;
  • ispezioni ambientali;
  • ispezioni edili;
  • ispezioni dei tetti, per esempio sui danni che una grandinata ha provocato alle tegole di un tetto, oppure ai pannelli solari;
  • la mappatura del territorio, sia a livello agricolo che a livello di lottizzazione urbana.

Questo tipo di ispezioni se eseguite con un drone è molto più economico rispetto alle tradizionali ispezioni che allo stato attuale il più delle volte sono effettuate con un elicottero con pilota, un noleggio di gru, o impalcature.

Quindi in sostanza noi garantiamo lo stesso risultato abbattendo però i costi e tempi di lavoro.


Riguardo la riparazione dei dispositivi informatici che tipo di assistenza offre KKinnovation?

Per quanto riguarda l’assistenza in ambito informatico KKinnovation offre servizi sia per il reparto Software che per il reparto Hardware.

A livello Software siamo specializzati in:

  • backup preventivo di tutti i dati digitali, personali e non (prima di effettuare qualsiasi intervento tecnico),
  • rimozione virus
  • formattazione, ripristino e/o aggiornamenti sistemi operativi
  • installazione software, aggiornamento driver

la stessa cosa vale per dispositivi mobili Sostituzione del display riparazione della fotocamera

Eseguiamo interventi di assistenza per piattaforme con sistemi operativi Windows e Mac.

Offriamo anche assistenza a domicilio, se possibile eseguiamo l’intervento di assistenza direttamente a casa del cliente oppure se l’intervento richiede più ore di lavoro portiamo i dispositivi nella nostra sede.

Per quanto riguarda i costi noi della KKinnovation abbiamo deciso di mantenere dei prezzi molto inferiori rispetto alla concorrenza,

  • perché dobbiamo cercare di farci conoscere, di farci pubblicità e quindi dobbiamo tenere i prezzi più bassi possibili
  • perché abbiamo appena avviato questa nostra attività, quindi ci serve, almeno all’inizio, un punto di forza per acquisire più clienti possibili.

Abbattiamo i costi anche nella componentistica hardware perché ordiniamo i pezzi da sostituire direttamente dai grandi portali e-commerce come Amazon, eBay e, ove possibile, all’ingrosso. Non facciamo magazzino, questo è un valore aggiunto proprio per mantenere bassi i costi di riparazione.


Che tipo di attrezzature utilizzate?

Per il reparto riprese video il nostro fiore all’occhiello è il drone della DJI Inspire 1 con camera X3:

può fare riprese in 4K a 30fps oppure Full HD 1080p a 120 fps

  • per pilotare questo tipo di drone abbiamo due radiocomandi e bisogna necessariamente pilotarlo in 2 persone, un pilota comanda i movimenti del drone mentre l’altro comanda tutti i movimenti della sola video camera.
  • il telecomando del drone è provvisto di terminatore. In caso di avaria meccanica c’è un pulsante che spegne immediatamente il drone e, teoricamente, dovrebbe cadere dentro l’area di buffer, una area di sicurezza, sgombra da persone, preventivamente identificata e certificata prima del decollo del drone.

Per le riprese a terra utilizziamo una Canon 7D Mark II, prevalentemente con l’ottica 16-35 mm f/2.8 oppure disponiamo anche del classico ‘’cinquantino’’ (Ottica 50 mm f/1.8).

Questa videocamera la utilizziamo principalmente su una Steadycam, la Movofilms C5, che ci permette di ottenere riprese più fluide, anche in movimento.

Uno Slider Dolly sempre per effettuare delle riprese fluide.

Utilizziamo spesso anche la GoPro Hero 4 Black, utilissima per le riprese esterne, per riprese in movimento veloce, soprattutto in ambito sportivo, e le riprese subacquee.

Per il reparto audio utilizziamo un microfono esterno professionale direzionale, il RODE Videomic PRO. Uno strumento immancabile per ottenere un suono più fedele e definito rispetto ai microfoni incorporati nelle videocamere.

Per il reparto fotografico abbiamo una Fujifilm X-E2 particolarmente utile per fare fotografie di backstage.

E infine per il reparto software e video editing utilizziamo la suite Adobe, quindi Adobe Premiere e Photoshop, su due computer differenti da noi assemblati pezzo per pezzo. Due macchine che ci permettono di editare i video in modo completo, veloce e performante.


Com’è nata la vostra passione per il mondo della fotografia e del video editing?

La nostra passione c’è stata tramandata da nostro padre il quale per hobby faceva il fotografo matrimonialista essenzialmente e quindi ha trasmesso ad entrambi la passione per la fotografia. Nostro papà tutt’ora ci da molti consigli ed alcune dritte.

Alcune volte ci critica in modo costruttivo. I nostri genitori inoltre, almeno per l’inizio del nostro progetto imprenditoriale, ci hanno supportato economicamente e ci stanno supportando tutt’ora. Gli ringraziamo per questo prezioso aiuto.


Prima avete parlato di “area di buffer” e di certificazioni per pilotare il drone. Potreste dirci qualcosa in più?

Si, noi della KKinnovation per utilizzare il drone secondo la norma di legge abbiamo dovuto fare dei corsi teorici e pratici presso una scuola certificata ENAC.

  • Abbiamo conseguito il patentino ENAC
  • abbiamo superato la visita aeronautica di II livello, obbligatoria per avere l’abilitazione all’utilizzo del drone
  • poi abbiamo dovuto presentare all’ente ENAC alcuni documenti che attestano che il drone in nostro possesso è assicurato, che tutti i voli vengono eseguiti in sicurezza rispettando le normative Enac, prima di ogni volo bisogna redigere il documento di Analisi del Rischio.

Purtroppo, tutte queste lungaggini burocratiche sono un grosso impedimento per una realtà imprenditoriale che lavora e intende lavorare come noi realizzando video con riprese aeree fatte con il drone.

Per area di buffer si intende un’area di sicurezza sgombra da persone in cui il drone dovrebbe teoricamente precipitare in caso di avaria. L’area di buffer dev’essere obbligatoriamente individuata, segnalata e certificata nel documento di Analisi del Rischio.

In sostanza dobbiamo stare a 50 metri dalla singola persona e a 150 metri da agglomerati di persone, questo significa che se noi dobbiamo lavorare ad un evento dove c’è un assembramento di persone (anche minimo) ci risulta impossibile stare lontano a 150 metri ottenendo riprese ottimali.

Inoltre ogni circa 6 mesi ENAC esegue delle revisioni al regolamento, il più delle volte sono revisioni molto restrittive che mettono in seria difficoltà da un punto di vista economico i professionisti del settore rispettando ogni minimo cavillo legale.

Secondo noi alcuni regolamenti dovrebbero essere un po’ “ammorbiditi”.


Per maggiori informazioni

KK Innovation

Drone Service | Computer Assistance | Videomakers

sede operativa: Via Don Giuseppe Concato, 5, San Zeno di Cassola (VI) 36022

cel.: (+39) 392.2724409

eMailinfo@kkinnovation.com

fb : www.facebook.com/kkinnovationofficial/

Canale Youtube KKinnovation